Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Ripresa della terapia con inibitori del checkpoint immunitario dopo colite immunomediata


La terapia con inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) è spesso sospesa a causa di diarrea e colite immunomediata ( IMDC ).
Sono stati esaminati il tasso e i fattori di rischio per la ricorrenza dei disturbi gastroenterici dopo la ripresa del trattamento con inibitori del checkpoint immunitario.

Uno studio retrospettivo multicentrico ha esaminato i pazienti che hanno ripreso la terapia con inibitori ICI dopo il miglioramento della diarrea e colite immunomediata nel periodo 2010-2018.

Dei 167 pazienti nella analisi, 32 hanno ripreso ad assumere un anticorpo anti-CTLA-4 ( antigene-4 associato ai linfociti T citotossici ) e 135 un anticorpo anti-PD-1/L1.
L'età media era di 60 anni.

La durata mediana dalla diarrea e colite immunomediata al riavvio del trattamento con inibitori ICI è stata di 49 giorni.
La diarrea e colite immunomediata si è ripresentata in 57 pazienti ( 34% ) in totale ( 44% di quelli che hanno ricevuto un anti-CTLA-4 e il 32% di quelli che hanno ricevuto un anti-PD-1/L1 ); 47 di questi pazienti ( 82% ) hanno richiesto una terapia immunosoppressiva per diarrea e colite immunomediata ricorrente, e tutti hanno richiesto l'interruzione permanente della terapia con inibitori del checkpoint immunitario.

La durata mediana dalla ripresa degli inibitori del checkpoint immunitario alla recidiva di diarrea e colite immunomediata è stata di 53 giorni.

Alla regressione logistica multivariabile, i pazienti che avevano ricevuto una terapia anti-PD-1/L1 alla manifestazione gastrointestinale iniziale hanno presentato un rischio più elevato di recidiva di diarrea e colite immunomediata ( odds ratio, OR=3.45; P=0.002 ).

Il rischio di recidiva di diarrea e colite immunomediata è risultato più elevato per i pazienti che richiedevano immunosoppressione per manifestazioni gastroenteriche in fase iniziale ( OR, 3.22; P=0.019 ) o avevano una durata più lunga dei sintomi gastrointestinali nell'episodio iniziale ( OR, 1.01; P=0.031 ).
Il rischio di recidiva di diarrea e colite immunomediata è risultato inferiore dopo la ripresa della terapia anti-PD-1/L1 rispetto alla ripresa della terapia anti-CTLA-4 ( OR, 0.30; P=0.019 ).

Un terzo dei pazienti che hanno ripreso il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario dopo diarrea e colite immunomediata ha manifestato eventi gastrointestinali ricorrenti.
La ricorrenza di diarrea e colite immunomediata era meno frequente dopo la ripresa dell'agente anti-PD-1/L1 rispetto alla ripresa dell'agente anti-CTLA-4. ( Xagena2019 )

Abu-Sbeih H et al, J Clin Oncol 2019; 37: 2738-2745

Gastro2019 Onco2019 Farma2019



Indietro