Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Rapporto rischio-beneficio non-positivo con la combinazione Lenvatinib più Pembrolizumab nel carcinoma uroteliale avanzato


I risultati di uno studio hanno dimostrato che Lenvatinib ( Lenvima ) più Pembrolizumab ( Keytruda ) non hanno dimostrato un rapporto rischio-beneficio positivo rispetto a Pembrolizumab e placebo come terapia di prima linea per alcuni pazienti con carcinoma uroteliale avanzato.

I risultati non hanno mostrato nuovi segnali di sicurezza con la combinazione Lenvatinib - Pembrolizumab e, con Pembrolizumab in monoterapia, un'attività antitumorale simile a quella osservata in studi precedenti su pazienti non-idonei al Cisplatino o a qualsiasi chemioterapia a base di Platino.

Il Pembrolizumab come prima linea rimane uno standard di cura negli Stati Uniti per i pazienti non-idonei a qualsiasi chemioterapia a base di Platino indipendentemente dallo stato di PD-L1 e, in Europa, per i pazienti non-idonei al Cisplatino e che hanno tumori che esprimono PD-L1 con un CPS [ punteggio positivo combinato ] di 10 o superiore.

Nello studio di fase 1b/fase 2 KEYNOTE-146, l'anticorpo anti-PD-1 Pembrolizumab ha dimostrato attività antitumorale e sicurezza accettabile in combinazione con l'inibitore della tirosin-chinasi Lenvatinib.
Lo studio randomizzato e multicentrico di fase 3 LEAP-011 ha valutato Pembrolizumab come prima linea con o senza Lenvatinib tra 487 adulti non-idonei al Cisplatino con carcinoma uroteliale localmente avanzato / non-resecabile o metastatico che avevano un punteggio CPS PD-L1 di 10 o superiore o non-idonei alla chemioterapia a base di Platino.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 200 mg di Pembrolizumab per via endovenosa ( EV ) ogni 3 settimane per un massimo di 35 cicli con 20 mg di Lenvatinib per os ( n = 245 ) oppure placebo ( n = 242 ).
I gruppi avevano caratteristiche basali simili per quanto riguarda l'età media ( 74 versus 73 anni ), percentuale di pazienti con performance status ECOG di 2 ( 80% vs 80.2% ).

Gli endpoint primari erano: sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo i criteri RECIST versione 1.1 e la sopravvivenza globale ( OS ).
L'endpoint secondario chiave era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva ( ORR ).

Un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha valutato i dati sulla sicurezza a intervalli di 3 mesi e, sulla base dei dati presentati al Simposio, ha raccomandato agli investigatori di interrompere l'arruolamento.

Il follow-up mediano è stato di 5.9 mesi nel gruppo Pembrolizumab più Lenvatinib e di 7 mesi per il gruppo Pembrolizumab più placebo.

I risultati hanno mostrato una sopravvivenza mediana senza progressione secondo la revisione centrale indipendente in cieco di 4.5 mesi ( IC 95%, 4-6 ) con la combinazione Pembrolizumab - Lenvatinib, e di 4 mesi ( IC 95%, 2.7-5.4 ) con Pembrolizumab più placebo ( hazard ratio, HR=0.9; IC 95% , 0.72-1.14 ).
L'aggiunta di Lenvatinib ha determinato una sopravvivenza mediana globale di 11.8 mesi ( IC 95%, 9.1-15.1 ) rispetto a 12.9 mesi ( IC 95%, 9.8-17.8 ) per coloro che hanno ricevuto Pembrolizumab e placebo ( HR = 1.14; IC 95%, 0.87 -1.48 ).

Il gruppo terapia di combinazione ha avuto una durata mediana della risposta inferiore ( 12.8 vs 19.3 mesi ) e un tasso ORR numericamente più alto ( 33.1% vs 28.9% ).

La valutazione di sicurezza su 483 pazienti trattati ha mostrato che il gruppo Pembrolizumab più Lenvatinib aveva un tasso più elevato di eventi avversi correlati al trattamento di qualsiasi grado ( 87.6% vs 69% ) e di grado 3 o superiore ( 51% vs 27.3 ).
6 pazienti nel gruppo terapia di combinazione e 1 paziente nel gruppo Pembrolizumab più placebo sono deceduti per un evento avverso correlato al trattamento.

Gli eventi avversi correlati al trattamento più comuni nel gruppo terapia di combinazione hanno incluso: proteinuria ( 37.8% vs 18.6% con Pembrolizumab e placebo ), ipotiroidismo ( 36.5% vs 7% ) e ipertensione ( 34.9% vs 7% ).
Gli eventi clinicamente significativi correlati a Lenvatinib hanno incluso: ipertensione ( 41.9% ), proteinuria ( 41.5% ) e ipotiroidismo ( 36.9% ). ( Xagena2022 )

Fonte: ASCO Genitourinary Cancers Symposium, 2022

Uro2022 Onco2022 Farma2022


Indietro