Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
Tumore Vescica

Profilatura di anticorpi preesistenti in pazienti trattati con terapia anti-PD-1 per tumore polmonare non-a-piccole cellule avanzato


La somministrazione di terapie anti-PD-1 è ora uno standard nel tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato.
Tuttavia, gli inibitori del checkpoint immunitario, inclusi gli anti-PD-1, non sono stati valutati in pazienti con malattia subclinica con tumore NSCLC avanzato, e nessun utile biomarcatore clinico è stato associato a eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) tra questi pazienti trattati con anti-PD-1.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia del trattamento anti-PD-1 nei pazienti con malattia subclinica con tumore NSCLC avanzato con o senza marcatori autoimmuni preesistenti, inclusi fattore reumatoide, anticorpo anti-nucleo ( ANA ), anticorpo antitireoroglobulina ( AbTG ) e anticorpo perossidasi tiroidea ( AbTPO ); e sono stati valutati potenziali biomarcatori clinici che possono essere significativamente e convenientemente associati a benefici clinici o a eventi avversi immuno-correlati in seguito al trattamento anti-PD-1.

Una analisi delle cartelle cliniche ha valutato retrospettivamente 137 pazienti che hanno ricevuto monoterapia con Nivolumab ( Opdivo ) o Pembrolizumab ( Keytruda ) all'ospedale Sendai Kousei in Giappone tra il 2016 e il 2018.
L'efficacia del trattamento e gli eventi avversi immuno-correlati sono stati valutati insieme a fattori candidati che potevano essere associati a eventi avversi immuno-correlati, così come l’assenza o la presenza di specifici marcatori autoimmuni e di anticorpi prima del trattamento.

Gli esiti principali erano gli anticorpi preesistenti e i marcatori autoimmuni, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e gli eventi avversi immuno-correlati.

Su 137 pazienti con tumore NSCLC avanzato, 105 erano uomini, l'età media era di 68 anni, 99 erano stati sottoposti a monoterapia con Nivolumab, 38 a monoterapia con Pembrolizumab e 134 avevano un ECOG performance status di 0 o 1.

La sopravvivenza mediana libera da progressione era di 6.5 mesi tra i pazienti con anticorpi preesistenti esaminati, e 3.5 mesi tra i pazienti senza, suggerendo una prognosi significativamente migliore nel primo caso.

L'hazard ratio per la progressione della malattia o la morte in presenza degli anticorpi preesistenti esaminati è stato pari a 0.53 ( P=0.002 ).

La sopravvivenza senza progressione è stata significativamente più lunga tra i pazienti con anticorpi preesistenti rispetto a quelli senza.

Gli anticorpi preesistenti esaminati ( 48 pazienti, 73% ) e il fattore reumatoide ( 26 pazienti, 39% ) erano più comuni tra i pazienti che hanno sviluppato eventi avversi immuno-correlati.

L'analisi multivariata ha indicato che la presenza degli anticorpi preesistenti esaminati era associata in modo indipendente agli eventi avversi immuno-correlati ( odds ratio, OR=3.25; P=0.001 ).

Le reazioni cutanee sono state più frequenti tra i pazienti con fattore reumatoide preesistente ( 47% vs 24%, P=0.02 ), mentre la disfunzione tiroidea è stata più frequente tra i pazienti con preesistenti anticorpi antitiroidei ( 20% vs 1%, P minore di 0.001 ).

La presenza degli anticorpi preesistenti esaminati è stata associata al beneficio clinico e allo sviluppo di eventi avversi immuno-correlati nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, trattato con Nivolumab o Pembrolizumab.
Pertanto, la presenza di questi marcatori autoimmuni può aiutare a determinare il rapporto rischio-beneficio per i singoli pazienti con tumore NSCLC, massimizzando i benefici terapeutici e minimizzando al contempo gli eventi avversi immuno-correlati. ( Xagena2019 )

Toi Y et al, JAMA Oncol 2019; 5: 376-383

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro