Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore rene
OncoGeriatria

Pochi eventi avversi reumatici da inibitori del checkpoint immunitario richiedono la sospensione della terapia oncologica


La reazione avversa più comune associata all'impiego degli inibitori del checkpoint immunitario è l'artrite infiammatoria.
Sebbene la maggior parte dei pazienti abbia ricevuto lunghi cicli di soppressione immunitaria, pochi hanno richiesto la sospensione degli inibitori del checkpoint.

Dall'introduzione di Ipilimumab ( Yervoy ), un anticorpo anti-CTLA-4, per il melanoma metastatico nel 2011, l'uso degli inibitori del checkpoint immunitario si è rapidamente esteso fino ad includere altri tumori maligni.
Ci sono almeno 1.100 studi clinici oncologici in corso che coinvolgono gli inibitori del checkpoint immunitario, e almeno 2.000 studi in fase di sviluppo.
I reumatologi sono sempre più coinvolti nella gestione degli effetti collaterali autoimmuni degli inibitori del checkpoint immunitario, definiti in generale come effetti avversi correlati al sistema immunitario.

Ad oggi, un solo studio prospettico ha preso in esame gli effetti avversi reumatici correlati al sistema immunitario.

Sono stati esaminati in modo retrospettivo i dati di 1.293 pazienti che hanno ricevuto qualsiasi inibitore del checkpoint immunitario presso la Mayo Clinic nel periodo 2011-2018 con l'obiettivo di definire la prevalenza, la presentazione clinica e la gestione degli effetti avversi reumatici immuno-correlati associati a questi farmaci.
Inoltre, sono stati analizzati altri 18 pazienti che avevano ricevuto la terapia con inibitori del checkpoint in altri Centri, ma che si erano sottoposti a un trattamento degli effetti avversi reumatici immuno-relati presso la Mayo Clinic ( questi pazienti sono stati esclusi dal calcolo della prevalenza ).

Gli effetti avversi sono stati classificati come artrite infiammatoria, miopatia, vasculite o malattia del tessuto connettivo in base a predominanti caratteristiche cliniche.
Le risposte al trattamento per gli effetti avversi sono state definite complete o parziali, dove la risposta completa richiedeva la risoluzione dei sintomi documentata dal medico e la sospensione o la diminuzione degli steroidi.

Dalla ricerca è emerso che 43 dei 1.293 pazienti che avevano ricevuto un qualsiasi inibitore del checkpoint immunitario presso la Mayo Clinic hanno presentato diagnosi clinica di effetto avverso reumatico immuno-correlato.
L'evento più comune era l'artrite infiammatoria, con 34 casi e una prevalenza complessiva del 2%. Ci sono stati 10 casi di miopatia e 17 casi di altre sindromi reumatiche.
Tra i pazienti che hanno sviluppato l'artrite infiammatoria, il 76% ha richiesto glucocorticoidi, per una durata media del trattamento di 18 settimane.
Inoltre, 5 pazienti hanno ricevuto anche farmaci antireumatici modificanti la malattia e 3 hanno richiesto la sospensione dell'inibitore del checkpoint immunitario.

I pazienti che hanno sviluppato miopatia sono stati trattati con glucocorticoidi per una durata media di 15 settimane.
Tra questi casi ci sono stati due decessi e nove pazienti che hanno interrotto definitivamente il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario.

Altri effetti avversi reumatici correlati al sistema immunitario comprendevano malattie del tessuto connettivo, vasculite e sindrome simil-polimialgica, oltre a riacutizzazioni di malattie reumatiche preesistenti.
Di questi, il 71% è stato trattato con immunosoppressione, con il 12% che ha richiesto la sospensione dell'inibitore del checkpoint immunitario.

Non è ancora chiaro il motivo per cui alcuni pazienti sviluppano effetti avversi reumatici correlati al sistema immunitario, e finora non sono stati identificati fattori di rischio genomico, sebbene i vari fenotipi clinici di effetti avversi reumatici correlati al sistema immunitario indichino certamente molteplici meccanismi immunopatogenici sottostanti. ( Xagena2018 )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2018

Onco2018 Reuma2018 Farma2018


Indietro