Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
OncoDermatologia

Melanoma: i pazienti trattati con Pembrolizumab presentano un beneficio di sopravvivenza a lungo termine; il 41% è vivo a 3 anni


Uno studio clinico di fase 1 di grandi dimensioni ha mostrato che i pazienti con melanoma avanzato trattati con un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, Pembrolizumab ( Keytruda ) vivono più a lungo rispetto ai pazienti trattati con terapia standard.

I 655 pazienti con melanoma arruolati nello studio hanno presentato una sopravvivenza mediana di 24.4 mesi e una sopravvivenza stimata a 3 anni del 40% a seguito del trattamento con Pembrolizumab ( Keytruda ).
Un terzo dei pazienti ha mostrato risposte obiettive, e quasi tre quarti delle risposte è durato almeno 2 anni.

Lo studio ha confermato che Pembrolizumab fornisce un beneficio di sopravvivenza a lungo termine nei pazienti con melanoma, con il 41% dei pazienti ancora in vita a 3 anni.
Sono emerse risposte durature in un terzo dei pazienti, e le risposte complete sono durevoli, anche dopo aver terminato il trattamento.

Pembrolizumab ha mostrato un profilo di sicurezza gestibile nel lungo periodo.

Nel corso del Congresso AACR ( American Association for Cancer Research ) un altro studio aveva mostrato un risultato favorevole con l'utilizzo di un inibitore PD-1 nel melanoma avanzato.
In un piccolo gruppo di pazienti trattati con Nivolumab ( Opdivo ) la sopravvivenza a 5 anni è risultata essere del 34%.

Nella riunione ASCO 2015, la sopravvivenza a 1 anno era stata pari al 69% nei pazienti trattati con Pembrolizumab.
L'analisi dei dati ha riguardato un periodo di follow-up mediano di 32 mesi, e ha incluso pazienti con precedente esposizione a Ipilimumab ( Yervoy ). I pazienti hanno ricevuto una di tre dosi di Pembrolizumab, e il trattamento è continuato fino a progressione della malattia o a sviluppo di tossicità intollerabile.

Nel nuovo studio alcuni pazienti hanno ricevuto Pembrolizumab per più di 3.5 anni, e il 21% dei pazienti stava ancora ricevendo il farmaco alla fine di follow-up.

Pembrolizumab è risultato ben tollerato; l’8% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.
I più comuni eventi avversi correlati al trattamento sono stati: affaticamento ( 40% ), prurito ( 28% ), e rash ( 23% ).

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 33%, e il 73% dei pazienti, che ha risposto, ha presentato una durata di risposta di 2 anni o più.
Le risposte complete hanno interessato 95 ( 15% ) pazienti. Di questi 95 pazienti, 61 hanno interrotto l’assunzione del farmaco dopo un trattamento della durata media di 23 mesi.
Due pazienti sono andati incontro a progressione della malattia dopo che avevano cessato l’assunzione di Pembrolizumab.

Nel loro insieme, i dati riguardanti Pembrolizumab e Nivolumab indicano che gli inibitori PD-1 sono in grado di produrre un controllo della malattia di lunga durata, con una sopravvivenza a lungo termine in un’alta percentuale di pazienti con melanoma. ( Xagena2016 )

Fonte: ASCO, 2016

Dermo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro