Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore Vescica

La malattia iperprogressiva indotta da immunoterapia associata a esiti sfavorevoli nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule


I risultati di uno studio sul carcinoma polmonare sembrano confermare che l'iperprogressione del tumore potrebbe effettivamente essere correlata ad alcune immunoterapie.
E' stato dimostrato che l'inibizione del checkpoint immunitario che coinvolge il blocco PD-1 / PD-L1 è associata alla promozione della cinetica di crescita tumorale in alcuni pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) e in alcuni soggetti con tumori testa-collo.

La rapida progressione osservata in studi precedenti in seguito al trattamento immunoterapico era stata definita come temporanea; negli studi precedenti, alcuni pazienti che inizialmente avevano riscontrato una crescita accelerata del tumore sembravano sperimentare un miglioramento dei sintomi e una riduzione del tumore dopo essere stati trattati con terapie con corticosteroidi.
Inoltre, era stato osservato che un piccolo gruppo di pazienti che erano stati sottoposti a chemioterapia durante questi studi presentava una crescita tumorale in modo iperprogressivo.

Il rapido tempo di metastatizzazione che caratterizza tipicamente l'iperprogressione è difficile da distinguere dalla progressione della malattia aggressiva che può verificarsi naturalmente in ambito oncologico.

In uno studio retrospettivo presentato al WCLC 2019, i ricercatori hanno classificato l'iperprogressione sulla base della presenza di 3 criteri su 5: tempo al fallimento del trattamento inferiore a 2 mesi, un aumento del 50% o superiore nella somma dei diametri delle lesioni target tra basale e prima valutazione radiologica, comparsa di almeno 2 nuove lesioni in un organo già coinvolto tra basale e prima valutazione radiologica, diffusione della malattia a un nuovo organo tra basale e prima valutazione radiologica e deterioramento clinico con una diminuzione nel ECOG Performance Status di 2 o più durante i primi 2 mesi di trattamento con blocco del checkpoint immunitario.

I ricercatori hanno incluso pazienti con carcinoma polmonare avanzato non-a-piccole cellule ( aNSCLC ) che sono stati trattati nel periodo 2013-2019 presso la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ( Italia ), e sono stati classificati come affetti da malattia iperprogressiva ( HPD ) in base ai criteri clinici e radiologici di uno dei loro studi precedenti.
Tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno 1 ciclo di inibitori del checkpoint immunitario sono stati inclusi nello studio e i pazienti sono stati stratificati in 4 categorie: responder ( 57 casi, 22.2% ), malattia stabile come migliore risposta ( 69 casi, 26.8% ), malattia progressiva come migliore risposta ( 78 casi, 30.4% ) o malattia iperprogressiva ( 53 casi, 20.6% ).

Le caratteristiche clinicopatologiche tra i gruppi erano generalmente coerenti, tranne per quanto riguardava l'ECOG-PS di un paziente: è stato riscontrato un tasso più elevato di pazienti con un punteggio ECOG-PS superiore a 1 nel sottogruppo della malattia iperprogressiva ( P = 0.0141 ).

A un follow-up mediano di 23.49 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana è stata pari a 14.2, 6.5, 2.3 e 1.5 mesi ( P inferiore a 0.0001 ) e la sopravvivenza globale mediana a 32.5, 17.8, 7.8 e 4.1 mesi ( P inferiore a 0.0001 ) nei gruppi di risposta, rispettivamente malattia stabile, malattia progressiva e malattia iperprogressiva.
Dopo aggiustamento per variabili tra i pazienti con malattia progressiva e i pazienti con malattia iperprogressiva, è stato confermato che i pazienti nel gruppo malattia iperprogressiva presentavano esiti clinici peggiori rispetto a quelli del gruppo malattia progressiva.

I risultati hanno portato i ricercatori a concludere che la progressione regolare era effettivamente diversa dall'iperprogressione, e che i pazienti classificati come malattia iperprogressiva avevano esiti peggiori.
Questo effetto avverso degli inibitori del checkpoint immunitario deve essere preso in considerazione e ulteriormente indagato. ( Xagena2019 )

Source: IASLC 2019 World Conference on Lung Cancer

Pneumo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro