Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore Vescica
ForumOncologico

Incidenza della disfunzione endocrina in seguito all'uso di diversi inibitori del checkpoint immunitario


Se non è prontamente riconosciuta, la disfunzione endocrina può essere pericolosa per la vita.
Sono stati confrontati l'incidenza e il rischio di eventi endocrini dopo il trattamento con regimi di inibitori del checkpoint immunitario approvati dalla FDA ( Food and Drug Administration ).

Sono stati identificati 38 studi clinici randomizzati che hanno valutato l'utilizzo degli inibitori del checkpoint immunitario per il trattamento di tumori solidi avanzati, con un totale di 7.551 pazienti.
I regimi sono stati categorizzati in monoterapia con un inibitore PD-1, un inibitore CTLA-4 o un inibitore PD-L1 e terapia combinata di inibitori PD-1 più inibitori CTLA-4.

I principali risultati sono stati incidenza di ipotiroidismo di tutti i gradi, ipertiroidismo, ipofisite, insufficienza surrenalica primaria e diabete insulino-carente.
Complessivamente, sono stati inclusi nella revisione sistematica e meta-analisi 38 studi clinici randomizzati comprendenti 7.551 pazienti.

L'incidenza sia di ipotiroidismo sia di ipertiroidismo è risultata massima nei pazienti sottoposti a terapia di associazione.
I pazienti trattati con il regime di combinazione sono risultati significativamente più propensi a manifestare ipotiroidismo ( odds ratio, OR=3.81; P minore di 0.001 ) e ipertiroidismo ( OR=4.27; P=0.001 ) rispetto ai pazienti trattati con Ipilimumab ( Yervoy ).

Rispetto ai pazienti trattati con Ipilimumab, quelli trattati con inibitori PD-1 hanno presentato un rischio più elevato di sviluppare ipotiroidismo ( OR=1.89; P=0.03 ).
Il rischio di ipertiroidismo, ma non di ipotiroidismo, è risultato significativamente maggiore con gli inibitori PD-1 rispetto agli inibitori PD-L1 ( OR=5.36; P=0.002 ).

Mentre i pazienti che hanno ricevuto inibitori PD-1 hanno presentato significativamente meno probabilità di avere ipofisite rispetto a quelli trattati con Ipilimumab ( OR=0.29; P minore di 0.001 ), quelli che hanno ricevuto la terapia di combinazione hanno presentato significativamente più probabilità di svilupparla ( OR=2.2; P=0.001 ).

Per insufficienza surrenalica primaria e diabete insulino-carente non sono emerse inferenze statistiche a causa del minore numero di eventi.

In conclusione, lo studio ha fornito dati più precisi sull'incidenza delle disfunzioni endocrine tra i pazienti che ricevono regimi degli inibitori del checkpoint immunitario.
I pazienti in terapia di associazione presentano un aumentato rischio di disfunzione tiroidea e ipofisite. ( Xagena2018 )

Barroso-Sousa R et al, JAMA Oncol 2018; 4: 173-182

Onco2018 Endo2018 Farma2018


Indietro