Lung Unit
Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Tumore Vescica
Tumori testa-collo

Gli steroidi riducono i benefici di sopravvivenza associati agli inibitori del checkpoint immunitario nel tumore del polmone


L'uso di steroidi al basale è risultato associato a esiti di sopravvivenza inferiori nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in stadio avanzato che stavano iniziando la terapia con farmaci bloccanti PD-1 o PD-L1.

Il trattamento con inibitori PD-1 e PD-L1 rappresenta la terapia standard per molti pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in fase avanzata.
Gli steroidi sono spesso usati come terapia di supporto nella cura del cancro, e possono fornire un rapido sollievo da numerosi sintomi correlati al tumore, tra cui dispnea, anoressia, dolore, affaticamento e sintomi associati a metastasi cerebrali.
Tuttavia è noto che l'impiego per lunghi periodi degli steroidi può essere associato a tossicità.

E' stata condotta una revisione retrospettiva riguardante 640 pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, trattati con un inibitore PD-1 o PD-L1, in monoterapia, presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center [ Stati Uniti ] ( n = 455; età mediana, 66 anni ) o il Gustave Roussy Cancer Center [ Francia ] ( n = 185; età mediana, 61 anni ).
Lo scopo dello studio era valutare l'effetto degli steroidi al basale sull'efficacia della terapia bloccante PD-1 o PD-L1.

Il 12% dei pazienti del Memorial Sloan Kettering Cancer Center e il 20% dei pazienti del Gustave Roussy Cancer Center aveva ricevuto 10 mg o più di steroidi al basale.

Endpoint primari erano il tasso di risposta globale ( ORR ) secondo i criteri RECIST, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

Il 6% dei pazienti ( n = 51 ) al Memorial Sloan Kettering Cancer Center che aveva ricevuto steroidi al basale ha raggiunto una risposta globale, contro il 19% dei pazienti ( n = 400 ) senza steroidi ( P = 0.02 ).

Al Gustave Roussy Cancer Center, l'8% dei pazienti che avevano ricevuto steroidi al basale ( n = 37 ) ha ottenuto una risposta globale contro il 18% dei pazienti ( n = 148 ) non-trattati con steroidi.

I pazienti che avevano ricevuto steroidi al basale presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center ( n = 53 ) o Gustave Roussy Cancer Center ( n = 37 ) hanno presentato una sopravvivenza libera da progressione inferiore per i pazienti che non avevano ricevuto steroidi ( P inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza globale è stata anche influenzata negativamente dall'uso di steroidi sia nella coorte del Memorial Sloan Kettering Cancer Center ( P inferiore a 0.0001 ) sia nella coorte del Gustave Roussy Cancer Center ( P inferiore a 0.001 ).

Sulla base di questi risultati, gli steroidi dovrebbero essere impiegati con prudenza nei pazienti con terapie bloccanti PD-1 o PD-L1.
Questa analisi ha incluso solo pazienti che stavano assumendo inibitori PD-1 o PD-L1 in monoterapia, e quindi le implicazioni per i pazienti sottoposti a chemioterapia in combinazione con anti-PD-1 sono da esplorare. ( Xagena2018 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Meeting, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Farma2018


Indietro