Oncologia Morabito
Janssen Oncology
Novartis
OncoHub

Fattibilità e sicurezza di Durvalumab per il trattamento di tumori solidi in pazienti con infezione da HIV-1: studio DURVAST


Le terapie mirate al recettore di morte cellulare programmata 1 ( PD-1 ) o al suo ligando ( PD-L1 ), come l'anticorpo monoclonale umanizzato Durvalumab ( Imfinzi ), hanno mostrato risposte cliniche durature in diversi tipi di tumore.
Tuttavia, le preoccupazioni circa la sicurezza e la fattibilità del blocco di PD-1 / PD-L1 in individui con infezione da virus HIV-1 hanno portato all'esclusione di questi pazienti dagli studi clinici sulle immunoterapie contro il cancro.

Sono state valutate la fattibilità e la sicurezza del trattamento con Durvalumab nei pazienti con tumore avanzato e infezione da HIV-1 virologicamente controllata.

Lo studio DURVAST era uno studio clinico di fase 2, non-randomizzato, in aperto, in pazienti con qualsiasi tipo di tumore solido in cui gli anticorpi anti-PD-1 o anti-PD-L1 avevano indicazioni approvate o per cui c’erano dati di attività antitumorale senza altre terapie curative disponibili.
Tutti i pazienti avevano viremia plasmatica basale non-rilevabile durante la terapia antiretrovirale di combinazione.

Il trattamento consisteva nell'infusione endovenosa di Durvalumab 1.500 mg ogni 4 settimane fino a progressione della malattia o effetti tossici inaccettabili.

Gli eventi avversi sono stati classificati con l'uso dei criteri CTCAE NCI ( National Cancer Institute Common Terminology Criteria for Adverse Events ), versione 4.03.
La risposta del tumore è stata valutata utilizzando i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.

Sono stati arruolati un totale di 20 pazienti con infezione da HIV-1 con tumore avanzato; 16 ( 80% ) erano maschi, l'età mediana era di 54 anni e 12 ( 60% ) avevano progredito con le precedenti linee di trattamento del tumore.

È stata somministrata una mediana di 4 cicli di Durvalumab.

Eventi avversi correlati al farmaco sono stati osservati nel 50% dei pazienti e tutti erano di grado 1 e 2 ( principalmente diarrea, astenia e artromialgia ).

In tutto 4 dei 16 pazienti valutabili per la risposta ( 25% ) hanno presentato una risposta parziale.
5 pazienti ( 31% ) avevano una malattia stabile, di cui 4 malattia stabile durevole ( tasso di controllo della malattia del 50% ).
La conta delle cellule T CD4+ e CD8+ e la viremia plasmatica dell'HIV-1 sono rimaste stabili durante lo studio.

Il trattamento con Durvalumab è risultato fattibile e sicuro nei pazienti con infezione da HIV-1 e affetti da tumore che ricevevano una terapia antiretrovirale di combinazione.
I pazienti con infezione da virus HIV-1 in terapia antiretrovirale soppressiva con cancro avanzato dovrebbero avere accesso ai trattamenti di immunoterapia contro il tumore. ( Xagena2020 )

Gonzalez-Cao M et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1063-1067

Inf2020 Onco2020 Farma2020


Indietro