Gilead Banner
Natera Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Eventi avversi immuno-correlati multisistemici associati agli inibitori del checkpoint immunitario per il trattamento del tumore polmonare non-a-piccole cellule


Lo spettro dei singoli eventi avversi immunocorrelati ( irAE ) degli inibitori dei checkpoint immunitari ( ICI ) PD-1 e PD-L1 è stato ampiamente segnalato, e il loro sviluppo è associato a una migliore sopravvivenza del paziente tra i tipi di tumore.

Lo spettro e l'impatto sulla sopravvivenza per i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) che sviluppano eventi avversi immunocorrelati multisistemici da inibitori dei checkpoint immunitari non erano stati ancora descritti.

Sono stati caratterizzati gli eventi avversi immunocorrelati multisistemici, la loro associazione con la sopravvivenza e i fattori di rischio per lo sviluppo di eventi avversi immunocorrelati multisistemici.

Uno studio di coorte retrospettivo condotto in 5 Centri accademici in tutto il mondo ha incluso 623 pazienti con tumore NSCLC in stadio III/IV, trattati con inibitori dei checkpoint immunitari anti-PD-1 e anti-PD-L1 da soli o in combinazione con un altro agente antitumorale nel periodo 2007-2019.

Gli eventi avversi immunocorrelati multisistemici sono stati caratterizzati da combinazioni di singoli eventi avversi immunocorrelati o coinvolgimento di sistemi d'organo.
Sono state stimate la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) mediane.

I 623 pazienti inclusi nello studio erano per lo più uomini ( 60%, n=375 ) e bianchi ( 77%, n=480 ).
L'età mediana era di 66 anni e 148 pazienti ( 24% ) hanno sviluppato un singolo evento avverso immunocorrelato, mentre 58 ( 9.3% ) hanno sviluppato eventi avversi immunocorrelati multisistemici.

I pattern di eventi avversi immunocorrelati multisistemici più comuni nei pazienti che ricevevano in monoterapia anti-PD-1 e anti-PD-L1 erano polmonite tiroidite ( n=7, 14% ), epatite tiroidite ( n=5, 10% ), dermatite polmonite ( n=5, 10% ) e dermatite tiroidite ( n=4.8% ).

Un ECOG Performance status ( PS ) favorevole ( ECOG PS=0/1 vs 2; OR aggiustato [ aOR ], 0.27; P=0.04 ) e una più lunga durata degli inibitori dei checkpoint immunitari ( aOR, 1.02; P minore di 0.001 ) erano fattori di rischio indipendenti per lo sviluppo di eventi avversi immunocorrelati multisistemici.

I pazienti con 1 evento avverso immunocorrelato ed eventi multisistemici hanno dimostrato un miglioramento della sopravvivenza globale ( hazard ratio aggiustati [ aHR ], 0.86; P=0.26; e aHR, 0.57; P=0.005, rispettivamente ) e sopravvivenza libera da progressione ( aHR, 0.68; P=0.001; e aHR, 0.39; P minore di 0.001, rispettivamente ) versus i pazienti senza eventi avversi immunocorrelati, nei modelli multivariabili aggiustati per la durata della somministrazione di inibitori dei checkpoint immunitari .

In questo studio di coorte multicentrico, lo sviluppo di eventi avversi immunocorrelati multisistemici è risultato associato a una migliore sopravvivenza nei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule avanzato trattati con inibitori dei checkpoint immunitari. ( Xagena2020 )

Shankar B et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1952-1956

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020



Indietro