Novartis
OncoHub
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Esiti clinici ed effetti tossici degli inibitori del checkpoint immunitario ad agente singolo tra i pazienti oncologici di età pari o superiore a 80 anni


I pazienti geriatrici di età maggiore o uguale a 80 anni sono storicamente sottorappresentati negli studi clinici sul cancro.
Poco si sa sull'efficacia degli inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) nei pazienti geriatrici.
Questi agenti sono associati a eventi avversi immuno-correlati ( irAE ), che possono essere particolarmente associati a morbilità in questa popolazione.

L'obiettivo era raccogliere informazioni sugli esiti clinici e sulla sicurezza degli inibitori del checkpoint immunitario tra i pazienti geriatrici oncologici di età maggiore o uguale a 80 anni.
È stato condotto uno studio retrospettivo internazionale multicentrico su 928 pazienti geriatrici con diversi tumori trattati con inibitori del checkpoint immunitario in monoterapia nel periodo 2010-2019 da 18 centri accademici negli Stati Uniti e in Europa.

I risultati principali erano gli esiti clinici e i pattern di reazioni avverse immuno-correlate in pazienti geriatrici trattati con inibitori del checkpoint immunitario in monoterapia.

L'età mediana dei 928 pazienti all'inizio del trattamento con inibitori ICI era di 83.0 anni.
La maggior parte dei pazienti ( 806, 86.9% ) è stata trattata con una terapia anti-PD-1.
Nell'intera coorte, i tre tumori più comuni erano il tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC, 345, 37.2% ), il melanoma ( 329, 35.5% ) e i tumori genitourinari ( 153, 16.5% ).

I tassi di risposta obiettiva ( ORR ) per i pazienti con tumore NSCLC, melanoma e tumori genitourinari sono stati rispettivamente del 32.2%, 39.3% e 26.2%.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ), mediane, rispettivamente, sono state 6.7 e 10.9 mesi ( tumore NSCLC ), 11.1 e 30.0 mesi ( melanoma ) e 6.0 e 15.0 mesi ( tumori genitourinari ).

All'interno di sottogruppi istologicamente specifici ( tumore NSCLC, melanoma e tumori genitourinari ), gli esiti clinici sono stati simili tra i sottogruppi di età ( età inferiore a 85 vs maggiore o uguale a 85 anni ).
Tra tutti i 928 pazienti, 383 ( 41.3% ) hanno manifestato 1 o più eventi avversi immuno-mediati, di cui 113 ( 12.2% ) che sono risultati essere di grado G da 3 a 4 in base ai criteri CTCAE versione 5.0.

Il tempo mediano di insorgenza degli eventi avversi immuno-mediati è stato di 9.8 settimane; 219 ( 57% ) si sono verificati entro i primi 3 mesi dall'inizio degli inibitori ICI.
L'interruzione del trattamento con inibitori ICI a causa delle reazioni avverse immuno-mediate si è verificata in 137 pazienti ( 16.1% ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa nel tasso di eventi avversi immuno-mediate tra i pazienti di età inferiore a 85, 85-89 e 90 anni o più.
Nonostante il tasso simile di eventi avversi immuno-mediati G3 o superiori, gli inibitori ICI sono stati sospesi a causa di eventi avversi immuno-mediati più del doppio tra i pazienti di età pari o superiore a 90 anni rispetto ai pazienti di età inferiore a 90 anni ( 30.9% vs 15.1%, P=0.008 ).

I risultati di questo studio di coorte internazionale suggeriscono che il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario può essere efficace e generalmente ben tollerato tra i pazienti anziani con cancro, sebbene l'interruzione degli inibitori del checkpoint immunitario a causa di eventi avversi immuno-mediati sia stata più frequente con l'aumentare dell'età. ( Xagena2021 )

Nebhan CA et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1856-1861

Onco2021 Farma2021


Indietro